lunedì 17 Giugno 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeBenessere150 minuti di sport alla settimana proteggono dal Covid
Varier banner

150 minuti di sport alla settimana proteggono dal Covid

L'attività fisica come protezione dai rischi derivanto dal Covid. Uno studio.

- Advertisement -

150 minuti di sport alla settimana proteggono dal Covid. Uno studio spagnolo pubblicato online sul British Journal of Sports Medicine afferma che l’attività fisica o lo sport praticati regolarmente proteggono dal Covid. Secondo lo studio, la migliore protezione dal virus SARS-CoV-2 deriverebbe da 150 minuti settimanali di attività fisica moderata o da 75 minuti di movimento con un’intensità vigorosa. Le ricerche hanno coinvolto 1,8 milioni di adulti, di cui il 54% di sesso femminile e con un’età media pari a 53 anni. Gli esperti hanno studiato la correlazione tra sport e protezione dal Covid, con risultati finora poco chiari.

150 minuti di sport alla settimana proteggono dal Covid. I dati dello studio

Adnkronos riporta: “L’analisi dei dati aggregati ha mostrato che coloro che includevano un’attività fisica regolare nella loro routine settimanale avevano un rischio inferiore dell’11% di infezione da Covid; un rischio inferiore del 36% di ricovero ospedaliero; un rischio inferiore del 44% di malattia grave da Covid e un rischio inferiore del 43% di morte per Covid rispetto ai loro coetanei fisicamente inattivi”. La stessa agenzia però, tende a sottolineare che lo studio riguarda esclusivamente le varianti Beta e Delta di SARS-CoV-2 e non Omicron, il che potrebbe indebolire i risultati.

I risultati mostrano che l’attività fisica, quindi, sicuramente riduce la possibilità dei rischi derivanti dal virus, in quanto può aumentare le risposte antinfiammatorie del corpo, così come la forma cardiorespiratoria e muscolare, ma è ancora troppo presto per affermare con totale certezza che rappresenti la barriera ideale contro il Covid. I ricercatori concludono affermando: “I nostri risultati hanno evidenziano gli effetti protettivi di impegnarsi in una sufficiente attività fisica come strategia di salute pubblica, con potenziali benefici per ridurre il rischio di Covid grave. Data l’eterogeneità e il rischio di bias, sono ora necessari ulteriori studi con metodologia standardizzata”.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE