lunedì 15 Luglio 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeSalute mentaleAlzheimer e consumo di carne: 25 grammi al giorno ne aumenterebbero il...
Varier banner

Alzheimer e consumo di carne: 25 grammi al giorno ne aumenterebbero il rischio. Lo studio.

- Advertisement -

Alzheimer e consumo di carne: 25 grammi al giorno ne aumenterebbero il rischio. Lo studio. Un recente studio inglese, sostenuto Questo lavoro è stato sostenuto dal China Scholarship Council e dall’Università di Leeds, sembra indicare che il consumo giornaliero di 25 grammi di carne lavorata sia associato a un aumento del rischio di sviluppare demenza. Il ricercatore capo dello studio, il dott. Huifeng Zhang, ha dichiarato: “La prevalenza della demenza è in aumento in tutto il mondo e la dieta potrebbe svolgere un ruolo fondamentale”. Lo studio, condotto esaminando il regime alimentare di 493.888 persone, ha scoperto che al consumo giornaliero di quello che in sostanza è l’equivalente di un panino con la pancetta, con la salsiccia o con altri salumi, si assocerebbe un aumento del rischio di sviluppare demenza del 44%.

Alzheimer e consumo di carne: 25 grammi al giorno ne aumenterebbero il rischio. I dati dello studio

La ricerca ha preso in esame i dati forniti dalla UK Biobank. Il database conteneva informazioni genetiche e sanitarie di 493.888 persone di età compresa tra i 40 e i 69 anni, residenti nel Regno Unito. Dai dati si è estrapolata la frequenza con la quale le quasi 500.000 persone che componevano il campione hanno consumato carne nei 5 anni che vanno dal 2006 al 2010. Tra loro sono emersi 2.896 casi di demenza senile nell’arco -mediamente- di 8 anni di follow-up.lina veloce al vaccino, ecco le nuove terapie

Un passo avanti della ricerca
Zhang ci ha tenuto a precisare: «Sono necessarie ulteriori conferme, ma la direzione dell’effetto è collegata alle attuali linee guida per un’alimentazione sana che suggeriscono che un consumo inferiore di carne rossa non trasformata potrebbe essere benefico per la salute». Il professor Cade ha aggiunto: «Tutto ciò che possiamo fare per esplorare potenziali fattori di rischio per la demenza può aiutarci a ridurre i tassi di questa condizione debilitante».

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE