giovedì 25 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeOncologiaChemioterapia e udito: frequenti ipoacusia e acufene
Varier banner

Chemioterapia e udito: frequenti ipoacusia e acufene

I dati di un recente studio statunitense evidenziano il nesso tra chemioterapia e problemi dell'udito.

- Advertisement -

Chemioterapia e udito: frequenti ipoacusia e acufene. Uno studio statunitense. Uno studio statunitense ha rilevato, nei pazienti affetti da alcuni dei tumori più diffusi e sottoposti a trattamenti a base di platino e taxani, problemi di udito come ipoacusia e acufene.

L’informazione giunge da uno studio pubblicato sulla rivista BMJ Supportive & Palliative Care da un gruppo di otorinolaringoiatri e oncologi statunitensi. Essi hanno valutato la prevalenza di questi disturbi, ovvero perdita di udito e acufene, in un gruppo di 273 pazienti adulti e anziani, colpiti da alcune delle più frequenti forme di tumore. Gli specialisti hanno sottoposto uomini e donne a una serie di esami volti ad accertare la salute dell’orecchio e del timpano, escludendo coloro che soffrivano precedentemente di questi tipi di problema, e a una valutazione audiologica completa.

Chemioterapia e udito: frequenti ipoacusia e acufene. I dati dello studio

I risultati hanno evidenziato un’elevata diffusione di problemi all’orecchio tra questi pazienti, che avevano completato il percorso di cure oncologiche circa cinque anni prima. Oltre 1 su 2 registrava una significativa perdita dell’udito, e oltre 1 su 3 aveva riportato episodi di acufene.

chemioterapia acufene ipoacusia
freepik – it.freepik.com

Era già stato appurato in passato che i problemi di udito sono frequenti tra coloro che si ammalano in età giovanile, però ben poco si sapeva della loro diffusione tra gli adulti chiamati a fare i conti con alcuni dei tumori più frequenti. La causa è da ricercare nella tossicità dei chemioterapici impiegati contro queste malattie. Dallo studio si evince che non sembrerebbero esserci differenze legate al tipo di farmaci utilizzati per la chemio, in quanto quelli utilizzati per questo tipo di cure comportano un rischio pressoché identico.

Ipoacusia e decadimento cognitivo

L’acufene e la perdita dell’udito sono aspetti da non trascurare, in quanto comportano un importante impatto negativo nel corso della vita di tutti i giorni. Eleonora Trecca, dirigente medico dell’unità operativa complessa di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Maxillo-facciale dell’Irccs ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, afferma: “L’ipoacusia nel corso dell’età adulta e della terza età è considerata un fattore di rischio per il decadimento cognitivo. Ecco perché è importante riconoscerla e trattarla, a maggior ragione in pazienti già fragili. L’ideale – prosegue Trecca – sarebbe monitorare le condizioni dell’udito prima, durante e dopo un percorso di chemioterapia. Ma questo purtroppo non avviene in automatico”.

Questo è il motivo per cui la loro rilevazione è un aspetto da non trascurare, in modo da poter garantire una buona qualità di vita ai pazienti oncologici. A causare le problematiche uditive è la tossicità dei farmaci, che varia in base alla dose e alla durata di esposizione, a livello delle cellule ciliate del giro basale della coclea. La conseguenza è una perdita dell’udito progressiva e bilaterale, che interessa soprattutto le frequenze più alte.

L’esperta conclude affermando che questo processo è irreversibile, per cui è fondamentale la diagnosi precoce e spiega come vengono trattati i casi di ipoacusia: “Le forme lievi di norma non vengono trattate, ma controllate con un follow-up a cadenza annuale. Nei casi più complessi, invece, si ricorre alle protesi acustiche”.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE