lunedì 15 Luglio 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeSalute del BambinoCibo spazzatura assunto dalla mamma: rischio obesità per il bambino
Varier banner

Cibo spazzatura assunto dalla mamma: rischio obesità per il bambino

I dati di un recente studio evidenziano il nesso.

- Advertisement -

Cibo spazzatura assunto dalla mamma: rischio obesità per il bambino. I ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston hanno condotto uno studio riguardante l’alimentazione della madre e come questa si ripercuote sul bambino.

Cibo spazzatura: un rischio per il bambino, se assunto dalla mamma: lo studio

Lo studio è stato condotto su un campione di circa 20.000 bambini e 15.000 madri ed è stato osservato che l’alimentazione della madre, nei primi anni di vita dei figli, può influenzare il rischio di sovrappeso e obesità dei piccoli, in quanto i bambini assumono le stesse abitudini alimentari della famiglia e non solo. È emerso, in particolare, che il consumo quotidiano di alimenti ultraprocessati da parte della mamma può incrementare fino al 26% le possibilità che il bambino sviluppi negli anni una condizione di sovrappeso o obesità.

mamma cibo spazzatura obesità bambino rischi
Katarzyna Bialasiewicz photographee.eu – stock.adobe.com

Il rischio che i figli sviluppino un peso eccessivo è quindi superiore rispetto ai loro coetanei, anche a parità di abitudini alimentari e di attività fisica. Gli esperti ipotizzano che questo avvenga a causa di “un imprinting in utero a lungo termine” oppure a causa di una “modifica epigenetica della suscettibilità della prole all’obesità”, ma la certezza del perché questo accada non è stata ancora trovata. È stato però certificato l’importanza della riduzione del consumo di cibi ultraprocessati da parte della mamma.

Obesità nei bambini: alcuni dati

L’Italia è uno dei paesi europei che registrano il più alto tasso di obesità nei bambini: secondo i dati di un recente studio presentato al Ministero della Salute, su un campione di 50.000 bambini di terza elementare, il 20,4% è in sovrappeso e il 9,4% è obeso.

Cibo spazzatura: amato anche dagli italiani

Si calcola siano quasi 2 milioni gli italiani che si definiscono amanti del cibo spazzatura. Nel novero del cosiddetto junk-food la fanno da padrone, in Italia, le patate fritte, i fritti in genere, le bevande gassate, alimenti questi che, se assunti smodatamente, hanno effetti molto deleteri sulla salute delle persone.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE