martedì 23 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeCovid-19Covid e Fibromialgia: uno studio coordinato dal Rizzoli ne svela i legami
Varier banner

Covid e Fibromialgia: uno studio coordinato dal Rizzoli ne svela i legami

Lo studio ha coinvolto 600 persone con postumi a lungo termine da Covid-19 sintomatico

- Advertisement -

Covid e Fibromialgia: i legami. Potrebbe esistere una relazione tra il Covid-19 e la fibromialgia. A svelarlo è uno studio coordinato dalla struttura di Reumatologia dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna diretta dal professor Riccardo Meliconi. La ricerca, che vede primo autore Francesco Ursini, professore associato in Reumatologia, è stata di recente pubblicata sulla rivista  RMD Open: Rheumatic and Musculoskeletal Diseases.

Obiettivo della ricerca, che ha coinvolto 600 persone con postumi a lungo termine da Covid-19 sintomatico (long-Covid o post-Covid-19 syndrome), era la valutazione del potenziale ruolo del Covid-19 come fattore predisponente allo sviluppo di fibromialgia. I ricercatori, si legge nel comunicato stampa del Rizzoli, sono partiti da un dato oggettivo: il crescente afflusso agli ambulatori di reumatologia di pazienti che, dopo aver contratto la malattia Covid-19, lamentavano sintomi articolari tra cui dolore, gonfiore e rigidità.

Cos’è la fibromialgia?

La fibromialgia, spiegano dal Rizzoli, è una sindrome reumatologica caratterizzata da dolore muscoloscheletrico diffuso, unitamente ad altri sintomi quali per esempio stanchezza cronica, disturbi del sonno, disturbi dell’apparato gastroenterico o alterazioni della sfera cognitiva.

Fibromialgia da Covid: i dati dello studio

“Nel nostro studio – dichiara il prof. Francesco Ursini – grazie a un’indagine condotta su oltre 600 persone con postumi a lungo termine di un’infezione sintomatica da COVID-19, abbiamo osservato per la prima volta al mondo che circa il 30% dei pazienti manifesta sintomi compatibili con la diagnosi di fibromialgia anche a distanza di sei mesi e oltre dalla guarigione dell’infezione acuta. Un aspetto interessante è che tra i principali fattori di rischio per sviluppare questa sindrome, che abbiamo definito FibroCOVID, vi sono in particolare il sesso maschile e l’obesità. Mentre l’obesità è un noto fattore predisponente per la fibromialgia e per le malattie muscoloscheletriche in generale, il sesso maschile è generalmente meno interessato da questa condizione.”

“Questo dato, apparentemente sorprendente, in realtà concorda con l’accertata tendenza a sviluppare forme più severe di Covid-19 nei soggetti di sesso maschile – precisa il prof. Riccardo Meliconi. – Pertanto, nella nostra interpretazione, lo sviluppo di FibroCOVID potrebbe essere legato a forme di Covid-19 particolarmente severe che si riverberano sull’apparato muscoloscheletrico, sul sistema nervoso e su quello immunitario per molti mesi dopo la guarigione dell’infezione primaria, generando così la sintomatologia dolorosa.”

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE