lunedì 17 Giugno 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeCovid-19COVID: la separazione dai nipoti ha inciso negativamente sulla salute mentale dei...
Varier banner

COVID: la separazione dai nipoti ha inciso negativamente sulla salute mentale dei nonni

I risultati di uno studio britannico

- Advertisement -

COVID: la separazione dai nipoti ha inciso negativamente sulla salute mentale dei nonni. Separare i nonni dai nipoti durante la pandemia da COVID-19 è senza dubbio servito a proteggere gli anziani, categoria tra le più soggette a sviluppare le forme più gravi della malattia dovuta al contagio. A ciò va però accostato l’impatto spesso negativo che la loro separazione dai nipoti ha avuto sulla salute mentale dei nonni stessi.

COVID: la separazione dai nipoti ha inciso negativamente sulla salute mentale dei nonni: lo studio

A evidenziare le conseguenze negative dell’isolamento è uno studio dell’University College of London, pubblicato di recente sul Journal of Gerontology: Social Sciences.

Lo studio inglese ha esaminato 2.468 nonni. Il 52% di loro si prendeva cura dei nipoti ma il 10% dei componenti il campione ha dovuto smettere di farlo nel corso dei primi mesi della pandemia da Covid. Lo studio ha evidenziato che nel periodo novembre-dicembre 2020, il 34,3% dei nonni che avevano smesso di prendersi cura dei loro nipoti riportava livelli più elevati di sintomi depressivi, come per esempio il sentirsi tristi o avere un sonno irrequieto, rispetto al 26% di quelli che avevano avuto la possibilità di continuare a vedere i propri nipoti e, in qualche misura, a frequentarli. I nonni separati dai nipoti evidenziavano anche un minore valore di soddisfazione nei confronti della vita stessa.

“Prendersi cura dei nipoti può fornire ai nonni gratificazione emotiva e un senso di utilità e competenza, aumentando così la soddisfazione della vita. Il coinvolgimento dei nonni in tale attività familiare può, inoltre, fornire un senso di valore e attaccamento, rafforzando le relazioni intergenerazionali e gli scambi emotivi positivi, che potrebbero giovare alla salute mentale degli anziani”, ha dichiarato Giorgio Di Gessa, primo autore dello studio.

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE