martedì 18 Giugno 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeOsteopatiaIpertensione oculare: meno rischi con l'osteopatia. Lo conferma uno studio
Varier banner

Ipertensione oculare: meno rischi con l’osteopatia. Lo conferma uno studio

I risultati di uno studio condotto dal CIO Collegio Italiano di Osteopatia

- Advertisement -

Ipertensione oculare: meno rischi con l’osteopatia. Lo conferma uno studio. Uno studio pilota dimostra come il trattamento osteopatico sia in grado di ridurre la pressione intraoculare e quindi possa rappresentare un tentativo di prevenzione del glaucoma.
L’osteopatia potrebbe riuscire a ridurre il rischio di glaucoma. È l’ipotesi che emerge da uno studio pilota condotto al CIO – Collegio Italiano di Osteopatia dalle osteopate Chiara Cadonici e Chiara Gualandri sotto la supervisione dell’oculista dott.ssa Chiara Rinaldi e con il coordinamento di Mauro Fornari, presidente della scuola per osteopati di Parma. Lo studio ha coinvolto 67 pazienti di età compresa fra i 18 e i 30 anni, normotesi e senza diagnosi di glaucoma.

Il trattamento

Le persone sono state sottoposte a due sedute a distanza di una settimana. Mentre il primo trattamento è stato fittizio (placebo), il secondo ha seguito un protocollo manipolativo osteopatico con tecniche fasciali e di drenaggio per migliorare la circolazione endocranica e la pressione dei liquidi interni dell’occhio, permettendo così un migliore equilibrio della pressione oculare. In seguito a questa seconda seduta, i pazienti sono stati rivisitati a 24 ore e a 3 giorni di distanza. In tutti i casi, è stata misurata la pressione intraoculare dei soggetti prima e dopo il trattamento grazie allo pneumotonometro, uno strumento che emette un impulso d’aria diretto verso la superficie corneale.

Mauro Fornari, osteopata e direttore CIO Collegio Italiano di Osteopatia (Parma)

Ipertensione oculare: meno rischi con l’osteopatia. I risultati dello studio

Già dopo la prima seduta osteopatica si è riscontrato un abbassamento della pressione oculare. Questi risultati incoraggiano dunque a pensare che l’osteopatia possa aiutare nella prevenzione del glaucoma e quindi possa essere indicata, utilizzando un protocollo specifico, per tutti coloro che soffrono di pressione oculare alta. Per chi invece soffre di glaucoma conclamato, è possibile affiancare il trattamento osteopatico alla terapia farmacologica.

La pressione intraoculare

Ma che cos’è la pressione intraoculare? È ‘ la risultante dell’equilibrio fra la produzione e il deflusso di umore acqueo, cioè un liquido incolore che circola all’interno dell’occhio e che genera una pressione oculare di circa 16 mmHg, necessaria per la conformazione e le proprietà diottriche del globo oculare. È molto importante mantenere la pressione oculare entro valori fisiologici compresi tra 10 e 21 mmHg in quanto valori superiori a essi predispongono allo sviluppo di ipertensione oculare e patologie come il glaucoma, principale causa di cecità. In Italia sono affette da glaucoma circa 550.000 persone. Una forma di glaucoma è congenita, è rara e interessa i neonati, mentre un’altra tipologia riguarda l’adulto e l’incidenza aumenta con l’età interessando più del 10% dei soggetti sopra i 70 anni (attualmente si stimano circa 220.000 persone non vedenti per questa patologia).

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE