martedì 23 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeBenessereMal di schiena: i benefici dell'osteopatia
Varier banner

Mal di schiena: i benefici dell’osteopatia

Intervista a Carmine Castagna, direttore dell'Istituto Superiore di Osteopatia di Milano.

- Advertisement -

Mal di schiena: i benefici dell’osteopatia. Secondo i dati più recenti, il mal di schiena colpisce dal 60% all’80% degli adulti ed è la causa più rilevante di infermità lavorativa al di sotto dei 45 anni di età. Si stima che solo in Italia, 1 persona su 4 soffra di mal di schiena, una condizione che deprime, spesso in misura molto significativa, la qualità della vita di chi ne è colpito, e le cui cause non sono mai troppo facilmente individuabili. Ma quali sono le cause più diffuse del mal di schiena? Come si può prevenire? Inoltre, perché è così difficile individuare con precisione le cause del mal di schiena? SaluteToday ne parla con Carmine Castagna, direttore dell’Istituto Superiore di Osteopatia (Milano) e membro del Consiglio Direttivo dell’Osteopathic European Academic Network.

Direttore, perché è così difficile individuare le cause del mal di schiena?

“Il dolore muscolo-scheletrico legato al mal di schiena è in assoluto la causa di maggior consulto medico. Molto spesso, tra l’altro, il paziente con tale patologia si trova a essere rimbalzato da uno specialista all’altro, senza ricevere una diagnosi specifica, che trovi una spiegazione al dolore. Come non bastasse, le cure non sempre danno i benefici sperati.
Tutto ciò, ha una spiegazione: il mal di schiena o meglio, la lombalgia, è un fenomeno complesso che scaturisce dalla concomitanza di diversi fattori. Per la maggior parte delle persone con lombalgia, non è possibile identificare una causa specifica. Solo una piccola parte di esse ha una ben nota causa patologica, per esempio una frattura vertebrale, una neoplasia o un’infezione. Le patologie appena descritte sono, infatti, le poche che generano un dolore diagnosticabile in modo specifico. Nella stragrande maggioranza dei casi invece, ciò non è possibile. Ma se non è facile diagnosticare la causa della lombalgia, è altresì vero che è facile individuare i fattori esterni o le abitudini che possono provocarla“.

Mal di schiena benefici osteopatia
gpointstudio – stock.adobe.com

E quali sono allora i fattori esterni e le abitudini che provocano il mal di schiena?

“Lo stile di vita riveste senza dubbio un ruolo di primaria importanza. Si pensi all’attività fisica. La scarsità o la mancanza assoluta di attività fisica sono fattori predisponenti, che vanno cioè ad aumentare la possibilità di soffrire di lombalgia. E poi il fumo. Essere fumatori non rappresenta un problema unicamente per i polmoni, ma anche per la nostra schiena. È provata la relazione tra il fumo di sigaretta e il mal di schiena. Altri fattori che possono concorrere al mal di schiena sono di certo il sovrappeso e l’obesità, condizione che sovente troviamo associate alla presenza di lombalgia”.

mal di schiena benefici osteopatia attività fisica
EpicStockMedia – stock.adobe.cm

Si sostiene che un ruolo significativo possano rivestirlo anche alcuni fattori psicologici. È corretto?

“Sì, è corretto. La depressione, tra tutti, può essere un fattore che aggrava o impedisce di curare la lombalgia. La tendenza a trattare un problema come fosse una catastrofe, per esempio, va mitigata, perché impedisce al paziente di affrontare la patologia in modo costruttivo, con l’obiettivo di tornare, nei limiti del possibile, a vivere una vita piena e serena. In questi casi è fondamentale la volontà e la collaborazione del paziente, oltre ovviamente alla competenza del terapista.

benessere psicologico
Syda Productions – Fotolia

E poi occorre sfatare alcuni miti che spesso risultano dannosi. Uno su tutti? «Ho mal di schiena e dunque devo star fermo». Niente di più sbagliato. La riduzione del movimento e la sedentarietà sono fattori che, lungi dal favorire la nostra guarigione, peggiorano la lombalgia. Non bisogna dunque aver paura di muoversi, sollevare pesi e fare attività fisica perché la schiena non si danneggia correndo o andando in palestra. Anzi, queste attività sono ottime e consigliabili soprattutto se si soffre di lombalgia. La sedentarietà, l’inattività, il riposo prolungato, queste sì che sono pratiche da evitare”.

A spaventare, quando si è alle prese col mal di schiena, è spesso l’ernia del disco. È un timore giustificato?

“Ernie, protrusioni, artrosi, assottigliamento dei dischi intervertebrali non sono per forza causa di dolore. È vero, spesso la presenza di degenerazioni delle vertebre o dei dischi intervertebrali spaventa e preoccupa, ma finora non è stata rilevata alcuna correlazione diretta tra la presenza di questi segni e il dolore. Se 100 persone dovessero dovessero sottoporsi a una radiografia, oltre 80 avrebbero segni di degenerazione. Già a partire dai 30 anni di età, infatti, tali degenerazioni sono presenti, ma solo in pochissimi casi sono realmente correlate al dolore. Nella maggior parte dei casi, il problema più grande è dato dal fatto che esse generano preoccupazioni e paura di muoversi. Negli ultimi anni è stato dimostrato che la paura di muoversi aumenta la possibilità che il dolore diventi cronico o persistente“.

Mal di schiena: i benefici dell’osteopatia

Che ruolo può avere l’osteopatia nel curare o prevenire il mal di schiena?

 

osteopatia mal di schiena benefici
Lisa F. Young – stock.adobe.com

In questo ambito, l’osteopatia ha un ruolo fondamentale. Attraverso le manipolazioni si può infatti riacquistare fiducia nel proprio corpo e nella mobilità. Molto spesso, più che un blocco meccanico, si instaurano nel corpo blocchi difensivi, ovvero atteggiamenti inconsci di protezione che limitano il movimento. Attraverso tecniche di vario genere, a partire da quelle strutturali e passando per quelle fasciali, viscerali e craniche, l’osteopata e il paziente instaurano un percorso terapeutico che porta a una maggiore consapevolezza del proprio corpo: riaccendendo aree sensoriali a livello corticale che, in una sorta di sblocco cognitivo comportamentale, permettono un controllo maggiore, dando la possibilità di riprendere l’attività fisica senza eccessive paure o preoccupazioni.

Carmine Castagna

"<yoastmark

Carmine Castagna, Direttore dell’Istituto Superiore di Osteopatia, consegue nel 2008 il DO e il Bachelor of Science in Osteopathy rilasciato dalla University of Wales iniziando la sua esperienza come docente in ambito strutturale, ragionamento diagnostico e medicina osteopatica presso l’ISO. Dal 2010 è Direttore dell’Istituto Superiore di Osteopatia ed è tutt’ora membro del Consiglio Direttivo dell’Osteopathic European Academic Network e fa parte del team di lavoro del Registro degli Osteopati d’Italia che sta lavorando alla definizione delle core competences e del profilo professionale dell’ Osteopata. Nel 2014 è tra i primi Osteopati italiani a conseguire con successo il Post Graduate Certificate in Academic and Clinical Education organizzato dalla The British School of Osteopathy, dove amplia, consolida e certifica le competenze nell’ambito della formazione osteopatica. Frequenta inoltro nel 2017 in Postgraduate Certificate Postgraduate Certificate in ambito Specialistico Pediatrico della British School of Osteopathy. Carmine Castagna è Direttore ISO e Direttore Didattico del Master of Science in Advance Osteopathic Practice, Responsabile del Postgraduate Certificate in ambito della Medicina dello Sport e, insieme a Matteo Turinetto, DO, MSc, PgCert EDU, è Responsabile del Postgraduate Certificate in Insegnamento Osteopatico.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE