martedì 23 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeNewsOMS: 115.000 gli operatori sanitari morti per Covid
Varier banner

OMS: 115.000 gli operatori sanitari morti per Covid

Tedros: oltre l'80% degli operatori sanitari è completamente vaccinato ma il dato cela enormi disparità tra le aree geografiche del mondo

- Advertisement -

OMS: 115.000 gli operatori sanitari morti per Covid. Sono circa 115.000 gli operatori sanitari morti di Covid-19 in tutto il mondo da gennaio 2020 a maggio 2021. La stima è dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“A livello mondiale, il 40% degli operatori sanitari risulta completamente vaccinato”, ha dichiarato oggi Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. È un dato che, tuttavia, ha specificato Tedros Adhanom Ghebreyesus, “cela enormi differenze tra le varie aree del mondo e tra i gruppi economici. Nella maggior parte dei paesi ad alto reddito – ha proseguito Tedros- oltre l’80% degli operatori sanitari è completamente vaccinato. Ma in Africa il tasso di operatori sanitari immunizzati è inferiore al 10%”.

Tedros ha chiesto ai paesi di dare, nei loro programmi di vaccinazione, la priorità agli operatori sanitari. E ha poi posto l’accento sulle enormi disparità che persistono nell’accesso al vaccino tra le varie aree geografiche del mondo, in ragione delle quali l’OMS ha raccomandato di posticipare la consegna delle dosi di richiamo fin quando la situazione dei paesi meno raggiunti dal vaccino non sia migliorata.

“I paesi ad alto e medio reddito”, ha specificato il direttore generale dell’OMS, “hanno sin qui somministrato un numero di seconde dosi pari a circa la metà di tutte le vaccinazioni somministrate nei paesi a basso reddito”. E ha poi esortato i paesi del G20, che alla fine di questo mese si ritroveranno a Roma, ad affrontare la pressante questione della disomogenea distribuzione dei vaccini. I funzionari dell’OMS stimano che i paesi occidentali abbiano centinaia di milioni di dosi inutilizzate, molte delle quali con date di scadenza imminenti, ed esortano i paesi più ricchi a trovare il modo di trasferire i loro vaccini nelle aree del mondo a minor reddito.

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE