domenica 14 Luglio 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeNewsSedersi inginocchiati fa bene. La seduta kneeling
Varier banner

Sedersi inginocchiati fa bene. La seduta kneeling

Mazzini: "La seduta kneeling incoraggia una seduta attiva. E il peso del nostro corpo è suddiviso tra tutti i dischi della regione lombare"

- Advertisement -

Sedersi inginocchiati fa bene. La seduta kneeling. Sedersi in una posizione simile a quella di un inginocchiatoio fa bene alla salute. Non è una novità. Quella di sedersi adottando una postura simile è infatti una pratica che può essere fatta risalire a secoli fa, alle antiche tradizioni buddiste o al tradizionale stile di seduta seiza giapponese. Un concetto ripreso in epoca moderna nella seconda metà degli anni Settanta in Norvegia, quando Hans Christian Mengshoel, si propose di rispondere a una specifica domanda: è possibile sedersi in modo più equilibrato?

Attraverso l’osservazione e la ricerca, Mengshoel scoprì che un sedile leggermente inclinato in avanti incoraggia una postura naturale, offre una maggiore mobilità e allevia la pressione indesiderata. Nacque così il concetto di sedia Balans, da cui poi ebbe sviluppo la sedia kneeling, innovazione destinata a segnare una data fondamentale nella storia del design norvegese. Una sedia senza schienale, con due slitte in legno curve, un sedile inclinato verso il basso e un set di cuscini per appoggiare gli stinchi. Il tutto a formare una seduta che unisce il design innovativo e tipico dei paesi nordici alla capacità di garantire mobilità anche da seduti, a tutto vantaggio della nostra postura e del nostro benessere.

La seduta kneeling: il parere del chiropratico

Seduta Kneeling, Manuel Mazzini chiropratico
Dr. Manuel Mazzini chiropratico in Milano

Ma quali sono i reali vantaggi dell’adottare una seduta kneeling? “Il primo vantaggio – spiega Manuel Mazzini, dottore chiropratico in Milano, già segretario dell’Associazione Italiana Chiropratici e titolare dello studio Milano Chiropratica – è quello di favorire la lordosi lombare e di conseguenza scaricare il peso gravitazionale su più dischi intervertebrali. Quando ci sediamo su di una sedia tradizionaleprosegue Mazzini – il peso gravitazionale che l’ultimo disco lombare deve sostenere aumenta di un terzo, mentre adottando la seduta kneeling lo stesso peso è suddiviso tra tutti i dischi della regione lombare“.

La seduta kneeling
Seduta Kneeling- Varier Furniture

Seduta kneeling: il parere di Angelo Mandrini, da oltre 40 anni nel mondo dell’ergonomia

Anche Angelo Mandrini, imprenditore, da oltre 40 anni nel mondo dell’ergonomia della seduta, Amministratore di Varier Italia azienda specializzata in sedute ergonomiche, poltrone relax e arredi di design norvegese, evidenzia le differenze che corrono tra il sedersi tradizionalmente e l’utilizzo della seduta kneeling.

Angelo Mandrini
Angelo Mandrini

“Quando sei seduto su una sedia tradizionale, il tuo corpo forma una specie di ‘H’ e i fianchi si posizionano con un angolo chiuso di 90 ° o meno”, spiega l’imprenditore piemontese. “Una sedia kneeling con un sedile inclinato verso il basso – prosegue Mandrini – dà modo ai fianchi di restare in una posizione con un angolo aperto di circa 110°. Ciò consente alla colonna vertebrale di assumere la curvatura naturale che presenta quando siamo in piedi anche mentre siamo seduti. Invece di chinarti sulla scrivania, puoi semplicemente spostare il peso inclinandoti in avanti e la sedia ti seguirà, senza sottoporre la colonna vertebrale a sforzi inutili”. Benefìci che vanno al di là della nostra stessa schiena. “La kneeling – precisa Mandrini – è anche utile per il collo e le spalle. Hai piena libertà di movimento per le braccia e, allargando il torace, più spazio per lo stomaco e gli organi interni, cosa che ti darà una respirazione più facile e profonda”.

La postura attiva

La ricerca scientifica ha chiarito da tempo che stare seduti fermi, per periodi superiori alle tre ore quotidiane consecutive, può comportare l’insorgenza di numerosi disturbi di carattere muscolare e scheletrico alla colonna vertebrale, e circolatori agli arti inferiori. Ciò perché il nostro corpo non è concepito per stare fermo ma per muoversi, per opporsi alla staticità. C’è dunque bisogno, sostiene Mandrini “di progettare e produrre sedie che si muovano con il corpo, che dondolino, girino su sé stesse, sfidino i preconcetti sul modo di sedersi. E quando si progetta una nuova sedia, occorre sempre avere ben chiara in mente la filosofia del movimento“. Movimento che, nel caso della seduta kneeling, può avere benefìci di lungo termine. Li evidenzia il dr. Mazzini: “I benefìci a lungo termine di una postura migliore sono molteplici. Una migliore distribuzione dei carichi gravitazionali permette ai muscoli della colonna vertebrale di essere meno affaticati e alle articolazioni di essere meno sollecitate evitando artrosi precoci e ernie del disco.

Una recente ricerca scientifica ha dimostrato che avere una postura con il collo flesso in avanti è pericoloso e riduce – prosegue il chiropratico milanese – le aspettative di vita come il fumare un pacchetto di sigarette al giorno. Una sedia kneeling – conclude – incoraggia una postura seduta attiva, che ci spinge a rinforzare la schiena e i muscoli addominali. Perché saranno i muscoli a sopportare il peso della parte superiore del corpo, e non più la colonna vertebrale. Lo sforzo sulla schiena mentre si è seduti viene alleggerito e nello stesso tempo si sviluppa un maggiore equilibrio”.

Seduta Kneeling
Seduta Kneeling – Varier Furniture

“D’altronde -gli fa eco Mandrini- le nostre gambe e i nostri piedi hanno la responsabilità primaria di farci muovere. Con la seduta tradizionale, i piedi sono spesso dimenticati, e siamo costretti a sederci a gambe incrociate o cercare freneticamente un posto adatto dove appoggiarli. Una sedia kneeling, invece, invita tutto il corpo a muoversi. La curvatura dei pattini in legno ci spinge a trovare e a mantenere l’equilibrio, e qualsiasi spostamento del peso o dei piedi ci metterà in movimento spostandoci in una nuova angolazione. Ciò fa sì che i piedi cambino posizione costantemente. Questo uso frequente e dinamico dei muscoli delle gambe facilita il flusso di sangue verso il cervello, cosa che influenza positivamente i livelli di energia, la capacità di concentrazione e il senso generale di benessere”.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE