domenica 14 Luglio 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeCovid-19Test-to-stay nelle scuole USA per evitare quarantene agli studenti
Varier banner

Test-to-stay nelle scuole USA per evitare quarantene agli studenti

Esperimento pilota alla Marietta City Schools, in Georgia. 97 studenti su 100 rimangono in classe.

AutoreCNN
- Advertisement -

Test-to-stay nelle scuole USA per evitare quarantene agli studenti. Lo chiamano test-to-stay l’esperimento in corso al Marietta City School, in Georgia. Tamponi quotidiani ai bambini che sono entrati in contatti con persone positive al Covid-19, e quarantena unicamente per quelli di loro che risultano contagiati dal virus. I test vengono effettuati ogni mattina nel parcheggio di una chiesa adiacente alla scuola. Se gli studenti risultano negativi e non mostrano i sintomi del Covid, possono continuare a frequentare le lezioni in presenza. Lo studente positivo dovrà, naturalmente, tornare a casa e isolarsi.

Test-to-stay nelle scuole USA per evitare quarantene agli studenti: i dati

“La percentuale degli studenti che risultano positivi ai tamponi è sin qui del 3%”, ha dichiarato alla CNN Grant Rivera, sovrintendente della Marietta City Schools. Ciò significa, prosegue Rivera, che “abbiamo sin qui potuto mantenere il 97% di loro in classe“. Un esperimento di successo, al punto che gli US Centers for Disease Control and Prevention, si legge nell’articolo CNN, stanno ora lavorando con i distretti scolastici selezionati lungo tutto il territorio statunitense per valutarne l’utilizzo su più ampia scala. I funzionari federali della sanità pubblica si sono già incontrati con gli stati per discutere una potenziale strategia di test-to-stay nelle scuole, ha dichiarato Rochelle Walensky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention, la scorsa settimana durante un briefing virtuale alla Casa Bianca sul tema del coronavirus.

Una strategia, quella dei test-to-stay, che concentrandosi sugli studenti positivi consente alla maggioranza degli studenti stessi di continuare, se negativi, a frequentare le lezioni anziché isolarsi in quarantena. L’esperimento, per quanto i primi risultati paiano incoraggianti, non sembra -quantomeno al momento- mettere d’accordo tutti. Secondo molti esperti di salute le quarantene continuano a risultare necessarie.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE