giovedì 23 Maggio 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeNewsUcraina: 1000 gli ospedali lungo le linee di fuoco
Varier banner

Ucraina: 1000 gli ospedali lungo le linee di fuoco

I dati dell'OMS sull'impatto della guerra sul sistema sanitario ucraino.

- Advertisement -

Ucraina: 1000 gli ospedali lungo le linee di fuoco. Sono circa 1.000 gli ospedali che si trovano sulle linee di fuoco. A segnalarlo è l’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che definisce “devastante” l’impatto del primo mese di guerra sul sistema sanitario ucraino. 64 gli attacchi sin qui accertati ai centri sanitari, con 15 morti e 37 feriti. Molti gli operatori sanitari sfollati o non più nelle condizioni di lavorare. Milioni le persone attualmente senza cure. Nel Paese sono circa 7 milioni gli sfollati, ai quali si aggiungono i 4 milioni di profughi fuggiti altrove.

“Un ucraino su 4 è stato sfollato con la forza, situazione che aggraverà la salute di coloro che soffrono di malattie croniche”, spiega l’OMS riferendo come, secondo i dati dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), 1 sfollato su 3 soffra di una patologia cronica. In Ucraina alcuni ospedali sono stati riadattati per consentire la cura dei feriti di guerra: un cambiamento necessario ma che, fa notare OMS, “va a scapito dei servizi essenziali e dell’assistenza sanitaria di base”.

“Ho visto con i miei occhi l’eccezionale risposta umanitaria nei Paesi vicini, ma questa emergenza è tutt’altro che finita”, dichiara Hans Henri P. Kluge, direttore di OMS Europa. “Ci aspettiamo che più persone – principalmente donne, bambini e anziani – con esigenze sanitarie ancora maggiori vengano sfollate nelle prossime settimane”, conclude Kluge.

Per fronteggiare l’emergenza l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha attivato un hub a Rzeszów, in Polonia, e messo a punto un programma di forniture per le ferite da trauma nella maggior parte delle città ucraine. Oltre 100 tonnellate di apparecchiature mediche sono state inviate nel Paese. Oltre 20 le équipe mediche di emergenza che hanno già raggiunto Ucraina, Polonia e Moldavia.

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE