lunedì 17 Giugno 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeCardiologiaUn algoritmo per calcolare il rischio cardiovascolare
Varier banner

Un algoritmo per calcolare il rischio cardiovascolare

Da un algoritmo messo a punto dall'Istituto Superiore di Sanità

AutoreAdnkronos
- Advertisement -

Un algoritmo per calcolare il rischio cardiovascolare. Si possono stimare le probabilità di avere un infarto o di essere vittime di un ictus? Pare di sì, grazie a un algoritmo messo a punto dall’Istituto Superiore di Sanità. Lo riporta un articolo pubblicato da Alleati per la Salute, portale Novartis dedicato all’informazione medico-scientifica, che dedica un approfondimento ai fattori di rischio, modificabili e non, per la salute del cuore.

Rischio cardiovascolare: l’algoritmo per calcolarlo

Esistono strumenti, si legge da sito, che permettono di calcolare il rischio per la salute di cuore e arterie conoscendo il livello di alcuni fattori di rischio. Un sistema di calcolo è disponibile nel sito della Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA). Il calcolo è basato su un algoritmo studiato dal ISS per stimare la probabilità di andare incontro a un primo evento cardiovascolare maggiore nei 10 anni successivi, conoscendo il valore dei seguenti fattori di rischio: peso, sesso, età, diabete, abitudine al fumo, pressione arteriosa sistolica, colesterolemia totale, Hdl-colesterolemia, trattamento anti-ipertensivo in corso. Il calcolo deve comunque essere effettuato dal medico ed è valido se i fattori di rischio sono stati misurati seguendo la metodologia standardizzata. È indicato per donne e uomini di età compresa fra 35 e 69 anni che non hanno avuto precedenti eventi cardiovascolari. Per chi ha già avuto un infarto o un ictus, vi sono altri sistemi di calcolo eseguiti anch’essi dal medico.

Rischio cardiovascolare: i limiti dell’algoritmo

Il sistema, si specifica, non è utilizzabile nelle donne in gravidanza e non può essere applicato per valori estremi dei fattori di rischio quali pressione arteriosa sistolica superiore a 200 mmHg o inferiore a 90 mmHg, colesterolemia totale superiore a 320 mg/dl o inferiore a 130 mg/dl, colesterolemia-HDL inferiore a 20 mg/dl o superiore a 100 mg/dl. I valori degli esami clinici di glicemia e colesterolemia, inoltre, devono essere stati eseguiti da non più di tre mesi.

L’Iss consiglia di eseguire la valutazione del rischio cardiovascolare attraverso il punteggio con almeno questa frequenza: ogni sei mesi per chi ha un elevato rischio cardiovascolare (rischio superiore o uguale al 20%); ogni dodici se il rischio è superiore o uguale al 3% e inferiore al 20%; ogni 5 anni per persone a basso rischio cardiovascolare, cioè con valore inferiore al 3%. In ogni caso è il medico ad avere gli strumenti per interpretare correttamente i dati nel contesto clinico di ogni singolo paziente.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE