giovedì 23 Maggio 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeCovid-19Vaccino anti Covid e decessi, il rapporto AIFA: "22 i morti correlabili...
Varier banner

Vaccino anti Covid e decessi, il rapporto AIFA: “22 i morti correlabili alla vaccinazione”

"22 i morti correlabili alla vaccinazione", pari a 0,2 decesso ogni milione di dosi

- Advertisement -

Vaccino anti Covid e decessi, il rapporto AIFA: “22 i morti correlabili alla vaccinazione”. in un anno sono stati 22 i decessi considerati correlabili alla somministrazione del vaccino. Una proporzione di circa 0,2 casi ogni milione di dosi somministrate. Il dato emerge dal Rapporto annuale sulla sicurezza dei vaccini anti Covid-19, presentato stamani a Roma e in diretta streaming YouTube dall’AIFA Agenzia Italiana del Farmaco.

Nel report presentato stamani si evidenzia come i decessi registrati nel periodo osservato risultino nettamente inferiori a quelli attesi, e come dunque non si siano registrati aumenti di decessi rispetto a quelli che ci si sarebbe attesi in una popolazione simile ma non vaccinata.

Vaccino anti Covid e decessi, il rapporto AIFA: i dati

Sono circa 118.000 le segnalazioni di possibili eventi avversi successivi alla somministrazione del vaccino anti Covid ricevute nell’anno 2021 su oltre 108 milioni di dosi somministrate, per un tasso di segnalazione pari a 109 segnalazioni su 100.000 somministrazioni. Le segnalazioni riguardano in primis il vaccino Pfizer/BioNTech, Comirnaty con il 68% delle segnalazioni, che è stato il vaccino più impiegato, e poi i vaccini Vaxzevria di AstraZeneca con il 19,5% di segnalazioni, Spikevax di Moderna col 10,8%) e Johnson&Johnson Janssen  con l’1,4% delle segnalazioni.

L’83,7% delle segnalazioni si riferisce a eventi non gravi, con un tasso di segnalazione pari a 91 eventi su 100.000 dosi somministrate. Il 16,2% delle segnalazioni (19.055) riguardano invece eventi avversi gravi, per un tasso di segnalazione pari 17,6 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate. Gli eventi avversi più segnalati sono stati febbre, stanchezza, cefalea, dolori muscolari o articolari, dolore nella sede in cui è stata praticata l’iniezione, brividi e nausea. Gli eventi segnalati nel periodo di osservazione sono risultati per la stragrande maggioranza non gravi e sono stati risolti già al momento della segnalazione stessa.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE