martedì 23 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeCovid-19Vaccino Covid e miocardite, studio israeliano: 2,3 casi su 100.000 persone. 8...
Varier banner

Vaccino Covid e miocardite, studio israeliano: 2,3 casi su 100.000 persone. 8 casi su 10 sono lievi

Lo studio, coordinato dall'Università di Tel Aviv, ha monitorato un campione di oltre 2,5 milioni di persone vaccinate

- Advertisement -

Vaccino Covid e miocardite: 2,3 casi su 100.000 persone. 8 casi su 10 sono lievi. Un nuovo studio israeliano, di recente pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha evidenziato che dopo il vaccino a mRNA contro Sars-Cov-2 c’è, rispetto alla popolazione generale, un rischio di poco più alto di sviluppare lievi miocarditi. Il rischio appare più marcato nei giovani di sesso maschile e, in particolare, dopo la seconda dose. La stragrande maggioranza delle miocarditi oggetto dello studio sono risultate di lieve entità.

Vaccino e miocardite: i dati dello studio israeliano

Lo studio, coordinato dall’Università di Tel Aviv, ha monitorato un campione di oltre 2,5 milioni di persone vaccinate, di età superiore ai 15 anni. Di questi, 54 di loro hanno sviluppato lievi miocarditi. L’incidenza, tra coloro che avevano ricevuto almeno una dose di vaccino, è risultata di 2,13 casi ogni 100.000 persone. Nei pazienti di sesso maschile, di età compresa tra i 16 e i 29 anni, l’incidenza è risultata più elevata: 10,69 casi per 100.000 persone. Il 76% dei casi di miocardite è stato descritto come lieve e il 22% come intermedio. Un unico  caso è stato associato a shock cardiogeno, riferisce lo studio. Inoltre, trascorsi 83 giorni dall’insorgenza della miocardite, un paziente è deceduto dopo le dimissioni dall’ospedale per cause sconosciute.

Miocardite: cos’è?

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco. Il processo infiammatorio che la caratterizza interessa, in particolare, lo strato intermedio della parete del cuore: la tonaca muscolare chiamata miocardio. Può originare da diverse cause, tra cui infezioni, patologie sistemiche, meccanismi autoimmuni, esposizione a tossine o risposte d’ipersensibilità ad alcuni farmaci. In molti casi non produce sintomi evidenti.

 

 

 

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE