domenica 3 Dicembre 2023

Salute Benessere Qualità della vita

HomeFitoterapiaIl carciofo: la grande pianta del fegato e del rene
Varier banner

Il carciofo: la grande pianta del fegato e del rene

Scopriamone proprietà e benefici nell'articolo a cura del Gruppo di studio Arcangea Pianeta Azzurro

- Advertisement -

Il carciofo: la grande pianta del fegato e del rene. Il Carciofo è una pianta che tutti conosciamo perché entra nella nostra alimentazione. Infatti ne mangiamo il ricettacolo del fiore e parte del suo gambo, mentre in erboristeria la parte più utile è costituita dalle grandi foglie che crescono alla base della pianta e che normalmente, coriacee e fibrose, vengono eliminate. Infatti è in queste foglie che si concentrano i principi amari e prima fra tutti la cinarina.

Il carciofo nell’antichità

Nell’antichità la pianta del carciofo non era apprezzata come pianta curativa perché troppo “fredda” e responsabile di causare “umore melanconico”. Furono gli arabi che la introdussero sia come pianta edibile che come pianta utile per il fegato e ne svilupparono le coltivazioni nei paesi del mediterraneo. Il nome comune carciofo sembra infatti derivare dall’arabo “kershoff”. Nei testi arabi classici il carciofo era decantato come una delle migliori piante digestive e depurative. In tempi più recenti il Carciofo ha iniziato a occupare un posto importante nel mondo delle piante per il ruolo che svolge nel mantenimento della salute e del benessere del nostro organismo.

La sua prima e più importante azione si svolge a livello del sistema digerente.
Ha infatti azione antidispeptica, riduce i dolori addominali, il meteorismo e la nausea. Sia la scuola francese che tedesca ne sottolineano le virtù oltre che epatobiliare, anche diuretica, antiuricemica e antireumatica. L’abate Kneipp, padre dell’idroterapia, compose un’ode dedicata al carciofo e alle sue virtù e il poeta Pablo Neruda parlò in una sua poesia del ”carciofo dal tenero cuore che si vestì da guerriero…” sottolineandone le qualità di morbidità e durezza, delicatezza e resistenza insieme.

Il carciofo: la grande pianta del fegato e del rene

Il carciofo è una grande pianta del fegato e del rene, capace di migliorare sia la produzione che la secrezione della bile, e aumentare la diuresi e l’eliminazione degli acidi urici. Ci aiuta nel controllo del colesterolo, riducendone la sintesi epatica, e dei trigliceridi, della glicemia e, in alcuni casi, migliora anche la funzionalità intestinale. La sua azione di eliminazione di acidi urici ne fa una pianta efficace nelle forme reumatiche e nei dolori articolari.

il carciofo: grande pianta del fegato e del rene
Immagine Gruppo di studio Arcangea Pianeta Azzurro

Dal carciofo si può ottenere anche un succo che, seppur amaro, andrebbe assunto nei cambiamenti di stagione come efficace depurativo del fegato e del sangue. Seguendo le indicazioni “energetiche” degli antichi, che la ritenevano pianta dalla natura fredda, trova maggiore indicazione nei soggetti biliosi, tendenti alla collera, con segni di arrossamento nel volto e molto reattivi.

Su queste persone riuscirà anche ad avere una azione rilassante e di riequilibrio dell’umore agitato. Al contrario sarà controindicata nei soggetti freddolosi, astenici, anergici e poco reattivi. In queste persone sarà allora più indicato il Cardo mariano, altra importante pianta per il fegato, che darà sostegno, energia e forza funzionale correggendo la debolezza e la scarsa energia sia digestiva che generale. Il Carciofo è quindi una pianta importante sia dal punto di vista alimentare che dal punto di vista della nostra capacità di difesa dalle tossine e della loro necessaria eliminazione.

Cardo Mariano: la sua azione benefica sul fegato

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE