martedì 23 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeBionaturaliColon e osteopatia viscerale
Varier banner

Colon e osteopatia viscerale

L'approfondimento dell'osteopata romano Gabriele Benedetti in esclusiva per SaluteToday.

- Advertisement -

Colon e osteopatia viscerale. L’Osteopatia viscerale è uno degli aspetti più ricercati dai pazienti che si rivolgono all’osteopata, che arrivano con informazioni più o meno corrette, spesso raccolte su Internet, e richiedono questo trattamento. La domanda: “Lei è un osteopata viscerale?” inizia a divenire molto frequente. In realtà, a questa domanda si risponde che non esistono osteopati “viscerali”. La visita dell’osteopata è globale, e può comprendere l’approccio viscerale, ma anche quello strutturale, duramerico, fasciale, biodinamico. Non basta presentarsi con una colite e richiedere un trattamento per il colon, perché la causa di determinati problemi o dolori potrebbe essere molto lontana dalla sintomatologia. E trovare la causa significa ottenere una corretta diagnosi. Vediamo dunque quali sono i “segreti” e la metodologia osteopatica nel paziente “viscerale” che soffre di colon.

Cervicalgia osteopata Gabriele Benedetti cervicale
Dr. Gabriele Benedetti, Osteopata in Roma

Colon e osteopatia viscerale: la visita dall’osteopata

La visita dell’osteopata inizia con l’anamnesi, la storia accurata del paziente. Le sue abitudini di vita, in particolare quelle alimentari, i traumi, gli interventi chirurgici, le patologie, i medicinali e tutte le informazioni che potrebbero risultare utili. Spesso è lo stesso gastroenterologo che invia il paziente, con indagini strumentali come risonanza magnetica e colonscopia. L’osservazione del paziente in piedi è probabilmente il momento più importante della visita. Immaginate un paziente che soffre di dolore al colon. La sua postura sarà in totale apertura, fierezza e petto in fuori? Tutt’altro. Per detendere i tessuti e assecondare il dolore, il paziente sarà più chiuso su se stesso (atteggiamento cifosico) avvicinandosi anche in minima parte, in direzione del viscere dolente. Come quando terminiamo una forte corsa e ci pieghiamo sulle ginocchia per riprendere fiato. La seconda grande informazione potrebbe arrivare dall’indagine dei tre cassoni. Osservando il corpo lateralmente, potremmo dividerlo in un primo quadrato costituito dalla testa, un secondo dal busto e un terzo dal bacino. Quando due cassoni contigui, per esempio testa e busto, tendono a posteriorizzarsi, il paziente assume una postura sbilanciata all’indietro, si ipotizza che il paziente abbia caratteristiche strutturali, ovvero che il problema riguardi ossa e articolazioni. In questo caso l’approccio ideale potrebbe essere individuabile nel thrust, la manovra di sblocco diretto. Nel caso di non contiguità tra i cassoni, quindi uno avanti, uno indietro e di nuovo uno avanti, il paziente è duramerico. L’approccio cranio-sacrale mirato alle meningi e la dura madre che riveste il canale midollare, potrebbero essere la scelta giusta. Ed eccoci ai due cassoni contigui anteriori, proprio quelli che fanno pensare a una chiusura posturale in avanti del paziente e che potrebbero già indirizzarci alla diagnosi e al trattamento viscerale. Non abbiamo nemmeno sfiorato il paziente, e già siamo ricchissimi di fondamentali informazioni.

Colon e osteopatia viscerale
kei907 – stock.adobe.com

La palpazione e alcuni test (molto utili quelli fasciali) ci portano a identificare il punto più vicino alla causa, e se questi è proprio il colon, significa che il problema è nel viscere. Il trattamento si basa su tecniche definite “recoil”, dove la stimolazione dell’intestino crasso, segue il suo percorso dalla valvola ileocecale, collegamento con l’intestino tenue, colon ascendente, trasverso, discendente, sigmoideo, che poi raggiungerà il retto. Queste tecniche di pressione e improvviso rilascio, determinano un riflesso sul viscere, che favorisce la peristalsi, il naturale movimento dell’organo all’interno della cavità addominale. È l’esempio di un serpentello che sta dormendo, e qualcuno arriva con il dito a dargli fastidio: il serpente reagisce contorcendosi e rigirandosi su se stesso. Da non sottovalutare l’importanza dei legamenti con gli organi vicini, come trattare il legamento epato-colico con il fegato, quello gastro-colico con lo stomaco, freno-colico con il diaframma. I visceri non fluttuano nel nulla, sono ancorati tra loro.

Spesso la tensione di un viscere deriva dall’irrigidimento di un legamento. Inoltre non dimentichiamo che in osteopatia vige il prezioso caposaldo “il ruolo dell’arteria è supremo”. Un organo che non riceve sangue, si ammala. Garantire la pervietà vascolare, significa permettere al sangue di portare nutrimento attraverso le arterie e portare via infiammazione per mezzo delle vene. Il torrente circolatorio è fondamentale per ogni struttura del nostro corpo. In questo maniera, in una sola seduta, il colon risulterà più morbido al tatto, meno dolorante e gonfio. Seguire la procedura corretta aiuterà il viscere a espletare le sue funzioni digestive che risultavano congestionate. Vediamo come un colon irritato possa essere causa di ulteriori disfunzioni e patologie nel resto del nostro corpo.

Colon e osteopatia viscerale: il colon irritato

Chi soffre di colon, avrà notato che il dolore, spesso si irradia fino alla parte anteriore della coscia, poco al di sotto dell’inguine. Potremmo essere di fronte ad una psoite, infiammazione acuta o cronica del muscolo ileopsoas. Questo perché lo psoas è un muscolo molto grande e potente che congiunge la colonna vertebrale all’anca, passando al di sotto e a stretto contatto proprio con il colon. Per cui ne risulterà un totale assorbimento del processo flogistico (infiammazione) da parte del muscolo che reagirà infiammandosi a sua volta. Il muscolo ileopsoas è tra i più grandi del corpo e il più importante in termini di postura. Un suo malfunzionamento è in grado di stravolgere la nostra colonna, il bacino e l’anca, alterando completamente il nostro assetto posturale e l’appoggio dell’arto inferiore. Avendo inserzione sulle vertebre lombari, ci ritroveremo a soffrire di lombalgia, con il rischio di incappare in patologie discali più gravi come ernie e protrusioni. E sapete quali radici nervose nascono a questo livello? Proprio quelle che raggiungono il colon. Infatti la decima e l’undicesima vertebra toracica innervano il primo tratto del colon, mentre la dodicesima toracica e le prime due vertebre lombari (L1-L2) si occupano del secondo tratto. Parliamo di un circolo vizioso che assume sembianze catastrofiche se pensate a quante diverse e fondamentali strutture vengano coinvolte. Parliamo di organi, muscoli, articolazioni, nervi. Ecco percéè non ha assolutamente senso affrontare il sintomo con palliativi e antinfiammatori. Al contrario, individuare la causa che rappresenta l’inizio del circolo patologico, significa adottare la cura più efficace.

Gabriele Benedetti DO

Gabriele Benedetti DO Osteopata in Roma
Gabriele Benedetti, DO – Osteopata in Roma

Il Dr Gabriele Benedetti è un Osteopata italo-danese. Nel suo lungo percorso di studi,ha perfezionato quattro lingue e conseguito tre lauree. In Scienze Motorie, presso l’Università del Foro Italico, in Fisioterapia presso La Sapienza, e infine i 6 anni di Osteopatia presso l’internazionale IBO.È specializzato nel trattamento di patologie della colonna vertebrale. Vive a Roma, dove riceve presso il suo centro a Trastevere. È docente e Presidente scientifico dei corsi ECM di Osteopatia in Ostetricia e Neonatologia dell’Università Cattolica di Roma. È il fondatore della European Academy of Osteopathy, una delle maggiori realtà internazionali di formazione universitaria in terapia manuale, con sedi a Mumbai, New Delhi, Roma, Barcellona e Vancouver. Da anni, è l’osteopata di fiducia dei programmi televisivi “Il mio Medico” e “Buonasera Dottore” trasmessi su Sky e Tv2000. È autore per Vallardi Editore.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE