giovedì 23 Maggio 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeMedicinaInfluenza stagionale più aggressiva: preoccupano i casi di bronchiolite in Francia
Varier banner

Influenza stagionale più aggressiva: preoccupano i casi di bronchiolite in Francia

"Significativo deficit di di immunità collettiva per i bambini nati dopo marzo 2020"

- Advertisement -

Influenza stagionale più aggressiva: preoccupano i casi di bronchiolite in Francia. L’influenza stagionale parrebbe pronta a sferrare il suo attacco. A motivo delle restrizioni anti Covid, lo scorso anno i virus influenzali non hanno fatto la loro comparsa. Quest’anno, tuttavia, si prevede che l’influenza torni a circolare, e in misura piuttosto preoccupante.

Silvestro Scotti, segretario della Federazione dei Medici di Famiglia esterna così la sua preoccupazione: “Abbiamo una generazione che ha saltato l’epidemia influenzale dello scorso anno. Questo significa che tanti cittadini non hanno neanche gli anticorpi rispetto ai virus della stagione ’20-21. È importante accelerare con i vaccini o rischiamo di avere condizioni più gravi”.

Influenza stagionale: i dati dell’Australia

L’influenza è già comparsa nell’emisfero meridionale, dove si sta uscendo dalla stagione invernale. Nel suo recente rapporto, l’Istituto Australiano di Sorveglianza sull’Influenza ha evidenziato come, in tutto il paese, si siano registrati pochi casi e pochi ricoveri. Va ad ogni modo specificato che, come ricorda Rochelle Walensky direttrice del Centro per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie, i dati sono così buoni “perché i confini erano ancora chiusi e venivano mantenuti i sistemi di protezione iniziati con la pandemia”.

Ora però, anche nel nostro Paese, le restrizioni si stanno allentando. Fabrizio Pregliasco, direttore del Galeazzi di Milano, nei giorni scorsi aveva espresso la sua preoccupazione per l’arrivo di un’epidemia gemella, torna sul tema dell’influenza stagionale: “L’anno scorso gli interventi per limitare la diffusione del Covid hanno tenuto molto a bada l’influenza. Adesso, invece, potrebbe diffondersi molto più facilmente”.

Influenza: preoccupano i casi di bronchiolite in Francia

L’influenza di quest’anno è già alle porte anche nel continente europeo. In Gran Bretagna, dove il clima è più rigido del nostro, si parla già del “peggior raffreddore di sempre”. In Francia, specie nelle regioni del Nord, è già allarme per i casi di bronchiolite registrati nei bambini al di sotto dei 2 anni. Il Consiglio Scientifico Francese spiega che alla base del rapido diffondersi dell’influenza di quest’anno c’è un “significativo deficit di di immunità collettiva per i bambini nati dopo marzo 2020” che ormai, con l’allentamento delle restrizioni, non godono più della protezione avuta sin qui.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE