martedì 23 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeNutrizioneLo zucchero: gli effetti sul nostro cervello
Varier banner

Lo zucchero: gli effetti sul nostro cervello

Esploriamoli nell'articolo della nutrizionista Erica Rosati.

- Advertisement -

Lo zucchero: gli effetti sul nostro cervello. Le principali fonti di carboidrati sono: pane, pasta, riso, cereali e nel nostro organismo vengono tutte ridotte a zucchero per poi essere assorbiti a livello intestinale.

Lo zucchero: gli effetti sul nostro cervello

Lo zucchero è un nutriente altamente palatabile e soddisfacente, per questo sulle nostre tavole troviamo molti cibi con quantità elevate di zuccheri liberi, come i dolci e i succhi di frutta. L’assunzione eccessiva di zuccheri, condizione che caratterizza la dieta occidentale, non garantisce un buon controllo del senso di sazietà. Ad esempio, il fruttosio, lo zucchero presente nella frutta, non è in grado di ridurre la fame. Saremmo in grado di bere litri di succhi di frutta senza mai stancarci.

Il circuito della ricompensa

In numerosi studi si è visto come lo zucchero possa dare dipendenza; infatti, attiva nel nostro cervello un circuito dopaminergico che coinvolge aree dello striato, del sistema limbico e della corteccia, chiamato circuito della ricompensa, che guida il comportamento alimentare. Questo circuito fa sì che un determinato comportamento che attiva una risposta di piacere ci porti a ricercare nuovamente quel comportamento. Nel nostro caso specifico, questo circuito si attiva in risposta all’ingestione di cibo palatabile, soprattutto quello caratterizzato dalla combinazione zucchero libero e acidi grassi saturi.
È la percezione del sapore dolce ad attivare il circuito della ricompensa e non il potere calorico, questo spiega perché si attivi anche dopo aver assunto dolcificanti artificiali come il sucralosio. Questa alterazione può slatentizzare fame compulsiva e può portarci a mangiare di più rispetto alle nostre reali necessità. È un comportamento assolutamente fisiologico che però concorre all’instaurarsi di obesità, sindrome metabolica e infiammazione.

Fortunatamente oggi c’è molta più sensibilizzazione su questo tema: nel 2015 la World Health Organization ha raccomandato di non eccedere del 5% con gli zuccheri liberi l’intake calorico giornaliero. Una buona abitudine è di preferire carboidrati complessi come nel caso dei cereali integrali in cui il quantitativo di fibra ci permette di rallentare l’assorbimento dello zucchero attivando meno questo meccanismo, dando così tempo al senso di sazietà di guidare la quantità corretta di cibo da assumere riducendo gli attacchi di fame.

Erica Rosati, biologa nutrizionista

Erika Rosati Biologa Nutrizionista in Parma

Erica Rosati, biologa, si laurea nel 2013 in Scienze Erboristiche e dei Prodotti della Salute, classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Farmaceutiche, all’Università degli Studi di Parma. Si laurea poi con Lode in Scienze della Nutrizione Umana, curricula Nutraceutica al San Raffaele di Roma con una tesi dal titolo Ruolo del Microbioma nella Tolleranza Alimentare e possibile utilizzo di Nutraceutici nella modulazione della Risposta Immunitaria. Esercita la professione di biologa nutrizionista nel suo studio di Traversetolo, in provincia di Parma.

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE