martedì 23 Aprile 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeNewsMorbo di Alzheimer: un'app per diagnosticarlo precocemente
Varier banner

Morbo di Alzheimer: un’app per diagnosticarlo precocemente

Messa a punto all'Università di San Diego, promette di riconoscere precocemente i segni dell'Alzheimer nella pupilla del paziente.

- Advertisement -

Morbo di Alzheimer: un’app per diagnosticarlo precocemente. Un’app messa a punto da un team di ricercatori dell’Università di San Diego in California, potrebbe giocare un ruolo di primo piano nella diagnosi del morbo di Alzheimer. L’app sembrerebbe in grado di riconoscere, mediante la telecamera di cui è dotato lo smartphone, i segni precoci della malattia leggendo i parametri oculari e la risposta della pupilla a specifici stimoli esterni, dando così modo agli specialisti di formulare una diagnosi precoce che, diversamente, risulterebbe del tutto impossibile.

Morbo di Alzheimer: un’app per diagnosticarlo precocemente

Formulare precocemente una diagnosi di Alzheimer avrebbe ripercussioni straordinariamente positive sulla qualità della vita del paziente e sulle sue aspettative. La letteratura scientifica attesta l’importanza di una diagnosi anticipata e la sua stretta relazione con il miglioramento del decadimento cognitivo e l’efficacia stessa delle terapie. Specifici test hanno dimostrato, infatti, che avviare in tempo utile la terapia con gli inibitori della coniesterasi abbassa di molto le percentuali di ricovero e riduce in misura molto evidente il deterioramento cognitivo e funzionale cui sono soggetti i pazienti colpito dal morbo di Alzheimer. Il prof. Edward Wang, che ha guidato il team dei ricercatori dell’Università di San Diego, ha spiegato che l’app dovrà ancora essere sviluppata e che per poterne disporre servirà ancora molto tempo. Ma la strada di un connubio sempre più stretto tra tecnologia e mondo della medicina sembra ormai irrimediabilmente e virtuosamente segnata. Ci sarà solo da attendere.

Morbo di Alzheimer: un'app per diagnosticarlo precocemente

Il morbo di Alzheimer: alcuni dati.

La prima diagnosi di Alzheimer risale a oltre 100 anni fa. Era il 1906 quando lo psichiatra e neuropatologo tedesco Alois Alzheimer la formulava per la prima volta. Oggi il morbo di Alzheimer costituisce nel mondo la demenza più frequente. Nei soli Stati Uniti si stima che almeno il 10% degli over 65 soffra di questo disturbo.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE