lunedì 17 Giugno 2024

Salute Benessere Qualità della vita

HomeBenessereDisturbi dell'umore: l'asse intestino-cervello
Varier banner

Disturbi dell’umore: l’asse intestino-cervello

L'interazione bidirezionale intestino-cervello nell'articolo di Erika Rosati, biologa nutrizionista in Parma

- Advertisement -

Disturbi dell’umore: l’asse intestino-cervello. Non siamo soli. L’essere umano possiede più di 100 trillioni di batteri che colonizzano l’intero organismo. La maggior parte vive in simbiosi con noi nel nostro intestino, e prende il nome di microbiota intestinale. Il microbiota intestinale interagisce con il nostro organismo attraverso vie metaboliche che coinvolgono il sistema nervoso, endocrino e immunitario.

I batteri sono organismi viventi, e come tali necessitano di nutrimento che forniamo loro attraverso un’alimentazione equilibrata, il modo in cui mangiamo ne influenza la composizione e la variabilità. Quest’ultima dipende dal modo in cui nasciamo, dalla genetica, dall’età, dall’attività fisica, da fattori ambientali come stress e infezioni, dall’utilizzo di antibiotici, ma soprattutto, da come ci nutriamo.

I carboidrati complessi che caratterizzano le fibre alimentari sono fermentati dal nostro microbiota intestinale in acidi grassi a catena corta con proprietà neuroattive che hanno l’abilità di regolare la segnalazione nervosa e possono alterare sonno, appetito e umore.
Nota è ormai da tempo l’interazione bidirezionale tra intestino e cervello.

Disturbi dell’umore: l’asse intestino-cervello

Così come l’intestino influenza il cervello, allo stesso modo il cervello influenza l’intestino: lo stress può alterare la composizione del microbiota dando origine a disturbi intestinali. Da statistiche, circa il 60% delle persone con disturbi dell’umore come ansia e depressione riporta disturbi funzionali intestinali, come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Studi riportano come ceppi del genere Lactobacillus e Bifidobacterium possano contribuire nella regolazione dell’asse intestino-cervello. Ad esempio, sottospecie di Lactobacillus possono produrre acetilcolina (che regola memoria, attenzione, apprendimento e umore), Candida, Streptococcus, Escherichia Coli ed Enterococchi possono produrre serotonina, e Bacilli e Serratia possono secernere dopamina.

Alcune sottospecie come Lactobaciullus acidophilus, Bifidobacterium infantis, Candida, Streptococcus attraverso la secrezione di neurotrasmettitori e la regolazione dell’espressione degli endocannabinoidi, hanno dimostrato effetti terapeutici positivi su ansia e depressione. Si è visto infatti che in pazienti con depressione la quota di Bifidobacterium e Lactobacillus nelle feci era minore rispetto alle persone che non soffrivano di queste alterazioni dell’umore.

L’assunzione tramite la dieta di fibre come i GOS (galatto-oligosaccaridi presenti in cereali, legumi e verdure) induce attraverso il microbiota un ridotto aumento della secrezione di cortisone (un biomarker dei disturbi emotivi come depressione ed ansia), ridotta ipervigilanza e attenzione alle emozioni negative indicando un effetto antidepressivo e ansiolitico. La somministrazione di probiotici e fibre come i GOS possono quindi alleviare i sintomi depressivi e ansiosi non gravi, provvedendo a strategie terapeutiche alternative per trattare questi disturbi.

Ricordando sempre come la psicoterapia resti il trattamento d’elezione più efficace, un’alimentazione bilanciata ed equilibrata contribuisce ad una buona variabilità del microbiota che può essere di supporto alla psicoterapia.

Erika Rosati, biologa nutrizionista

Erika Rosati Biologa Nutrizionista in Parma - Disturbi dell'umore: l'asse intestino-cervello

Erika Rosati, biologa, si laurea nel 2013 in Scienze Erboristiche e dei Prodotti della Salute, classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Farmaceutiche, all’Università degli Studi di Parma. Si laurea poi con Lode in Scienze della Nutrizione Umana, curricula Nutraceutica al San Raffaele di Roma con una tesi dal titolo Ruolo del Microbioma nella Tolleranza Alimentare e possibile utilizzo di Nutraceutici nella modulazione della Risposta Immunitaria. Esercita la professione di biologa nutrizionista nel suo studio di Traversetolo, in provincia di Parma.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in SaluteToday hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il medico e il paziente o la visita medica, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello dei medici specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, SaluteToday può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

- Advertisment -

ALTRE NOTIZIE